sabato 26 marzo 2011

Una notte in stazione

Un rasta-munito passa davanti agli sportelli chiusi della vendita biglietti.
La ragazza di colore, con i collant neri, scaldamuscoli e felpa bianchi, scarpe di ogni colore accavalla le gambe ogni dieci secondi in modo diverso. Sbattendo la schiena sul retro della panchina di plastica lunga quasi dieci metri.
Poi si alza, va oltre. Scompare.
Uno skate appare dalla direzione delle scale mobili. 
Due scarpe, un jeans, una felpa azzurra e dei rasta castano chiaro sovrastano quelle quattro rotelle celesti.
Tre scritte rosse sui tabelloni alla vendita biglietti concludono il loro messaggio con il werbung del sito della sweiz-banhof.
Un modello di aereo color arancio e nero sovrasta l'ultimo metro quadrato prima di accedere alle rampe mobili e, a destra, cinque cabine telefoniche immobili chiuse da vetri decorati del logo swisscom.
Gli ultimi treni in transito della giornata fanno vibrare il pavimento nella stazione centrale, presto sarà tardi per sentire ancora questo rumore di vita desta.
Sarà notte.
Ma, qui, pochi dormiranno.
Un tabellone rotante ci propone Gisele Bundchen vestita - ogni cinque secondi - con capi diversi della H&M.
Anche se lei è sempre sveglia - qui - è l'unica cui non calano gli occhi e tiene fiera la sua posizione.
Orientali vestiti d'abito e ventiquattrore passano e scompaiono, forse parlano italiano...
E quello? È un uomo o una donna?
È già scomparso/a. Due tacchi a spillo laccati hanno preso il suo posto.
Ancora il vuoto e persone ai lati, in gruppo, tanto vociare, tanti rumori.
Ma anche il silenzio.
Il taxy è fuori, sulla destra.
Deposito bagagli, check in e ufficio oggetti smarriti sono giù, insieme al bagno, parcheggio bici e tanti treni.
uno di loro, domani, ci riporterà in Italia.
scritto la notte del 24 marzo, verso le 23:00

4 commenti:

  1. Sì, ultima esperienza di lavoro andata un po' malino... ci stiamo concedendo un po' di ferie con Fidanzato in vista della partenza verso nuovi lidi.
    Si pensa alla Spagna... vedremo cosa ci riserverà il futuro!

    RispondiElimina
  2. Bello questo mini-racconto!!
    Vedo che la tua vita sta seguendo nuove rotte, ti faccio un grosso in bocca al lupo!! :-)

    RispondiElimina
  3. Crepi, Imperfect :)
    Mi piace scrivere e quindi, quando l'ispirazione prende, devo buttar giù tutto quel che viene.. vedere il flusso delle persone alla stazione, anche se noioso, si è fatto interessante. Vedi talmente tante persone, tante cose, tanti colori...
    Vi farò sapere le novità :)
    Bacio a tutte!

    RispondiElimina