domenica 20 marzo 2011

Eiskugel Catapulta

Ok. Ce l'abbiamo fatta, una nuova avventura si è aperta. Non so se avete presente il film "Vieni avanti cretino"... e non so se ricordate la scena che riporto sopra.
Ecco. Primo giorno di nuovo lavoro: la classica fase in cui stai iniziando a fissare in mente le prime cose, la posizione dei bicchieri, l'organizzazione dei ruoli, le decorazioni delle coppe and so on.
E clienti. Molti. Tanti. Infiniti. Tutti i "gelatisti anonimi" sgabbiati di botto in una domenica pomeriggio O_o.
Oh, io non lo so. Non ho mai visto tanta gente tutta insieme nello stesso posto, accalcati fuori dallo stesso locale! E mica non mi piace come cosa, però ciò ha significato piedi in fiamme per ore (compreso adesso) e cervello in tilt per la maggior parte del turno.
La scena sopra è esilarante e, mentre mi venivano i momenti di tilt, mi sentivo molto come Linuzzo Banfuzzo nostro che si chiede - c'è pure una scopa? che visto che ho due mani (occupate), due piedi (occupati) e il di dietro libero, ce la metto lì e spazzo anche il pavimento...
Oh, almeno ci hanno rimpinzato di roba da mangiare e ci hanno concesso pause come il Cielo comanda!
A parte la stanchezza, pare un ambiente sereno. Tutto sta nel prendere un po' la mano e gestire la cosa da noi, senza aggiunte di mani esterne!
Ah, a proposito dell'argomento dell'ultimo post: negozio Mister Lady avvistato... anche se un po' lontano >_<
Oggi voglio morire. Se anche domani sgabbiano i Gelatisti Anonimi, le eis kugeln volano direttamente dalle vaschette alle loro faccie U_U

6 commenti:

  1. Ahaha da me e´ sempre cosi´!Per mia fortuna sfortuna lavoro in un posto centralissimo di Monaco dove il flusso dei turisti e´ a fumi. Buon lavoroo cara°!

    RispondiElimina
  2. Quasi quasi vengo a mangiarmi un gelato ;-), se c'è così tanta ressa dev'essere buono, no?
    Posso farmi i fatti vostri e sapere quanto costa una coppa da quelle parti? No perchè da un 4-5 anni dalle mie parti (italiane) si è impiantata una gelateria di italiani che prima era (ed è tutt'ora ) a Vienna: fanno altro oltre alle coppe, gelati da passeggio ed asporto chiaro, ma come minimo una coppa ti costa 8 euro. Stra-buono, niente da eccepire. Ed è sempre sempre sempre stra-pieno! W il gelato!

    RispondiElimina
  3. :-D Ora che è ufficialmente primavera il gelato andrà a ruba!! In bocca al lupo!! ;-)

    RispondiElimina
  4. @Wanesia: noi siamo l'unica gelateria del paese... la clientela è affezionata e non ci sono cavoli che tengano. Quando arrivano clienti, non sono mai a gruppo di meno 3 persone... della serie: ne arriva uno e in pochi secondi c'è la finestra pienissima. Un delirio... tavoli tutti occupati e coppe/caffe/cappuccini da preparare XD evviva il lavoro e i gelati in ogni momento della giornata!!
    @Elga:mh oddio, proprio 8 euro no... il minimo per una coppa è circa 5 euro. Parlo delle schoko/haselnuss becher che sono le più semplici e hanno le palline di gelato+panna+topping e noccioline o altre aggiunte del caso. Poi ci sono le speciali... con frutte di tutti i tipi, jogurt e cavoli e stracavoli che costicchiano decisamente di più. La cultura del gelato in tutte le forme qui è una cosa radicatissima. Bambini e adulti... a tutte le ore. Capitano anche classi che durante l'intervallo vengono con i prof a prendere il gelato... che realtà favolistica :Ö
    @Imperfect: assolutamente sí, ci magnano vivi :D

    RispondiElimina
  5. Buooonnoo il gelato!!! :9
    Qui oggi c'è uno splendido sole e il cielo azzurro e ci vorrebbe proprio una pallina di gelato per affrontare il pomeriggio...sob.. ho una pila di biancheria da stirare, ho rimandato.. ma ora lo devo proprio fare! In bocca al lupo in vista dei tuoi voraci clienti gelatomani! Ah... dimenticavo la scena del film è troppo buffa :))))

    RispondiElimina
  6. Buon pomeriggio, Cris :)
    Ognuno ha le sue beghe... era previsto un post incazzosissimo da pubblicare, proprio poco fa.
    Ma, fortunatamente, mi è tornato il buonumore... dai dai, tutti su con il morale!!

    RispondiElimina